Articoli e News

News di psicologia

Mente-Corpo

Le malattie psicosomatiche e l’interazione mente-corpo

“Mi fa male la testa…ho dolore allo stomaco…è un periodo che soffro di gastrite…ho spesso l’affanno e anche la pressione alta!!”. Queste esclamazioni sono frasi tipiche di chi probabilmente sta somatizzando qualcosa, spesso confuse con stress, stanchezza o addirittura che rientrano nell’immaginario della persona che ne soffre. I disturbi psicosomatici vengono studiati e osservati secondo l’ottica dell’interazione mente- corpo, ovvero considerando l’individuo come un’unità complessa tra il funzionamento organico e quello “emotivo”. Dunque, non si valuta più un sintomo considerando solo l’aspetto medico ma è importante il fattore psicologico, i traumi e i conflitti relazionali.

Mente-Corpo

Le malattie psicosomatiche (ad esempio: emicrania, gastrite, psoriasi, orticaria, eiaculazione precoce ed altre) sono malattie vere e proprie, capaci di esprimersi attraverso sintomi corporei come tutte le altre malattie organiche, con l’unica differenza che l’origine è di natura psichica. Il meccanismo che sta alla base è uno spostamento sul corpo delle emozioni, sofferenze, conflitti che invece dovrebbero esprimersi o essere elaborati diversamente. Quando questo carico diventa insopportabile per l’individuo accade che la mente deve trovare una via d’uscita per alleggerirsi e dunque gli organi, specifici per ognuno di noi, diventano un bersaglio.

Anche per gli altri disturbi psicologici, non solo psicosomatici, risulta fondamentale l’interazione tra processi psichici, emozioni e funzionamento organico. La predisposizione a sviluppare una determinata malattia è sicuramente di origine genetica, pensiamo ad esempio al concetto di familiarità importantissimo per sviluppare una malattia psichica, ma molti studi confermano che se questa non è accompagnata da traumi psicologici, come una perdita importante non elaborata, una separazione, uno stress importante e duraturo o vissuti dolorosi non superati, la malattia può non manifestarsi mai, sebbene ci sia una predisposizione alla base (ad esempio la schizofrenia, i disturbi ansiosi, la depressione, ecc).

Un primo importante passo da fare per intervenire su questo tipo di problematiche è escludere qualsiasi origine organica del disturbo. In secondo luogo un percorso di psicoterapia che miri ad aiutare la persona ad avere maggiore consapevolezza di sé e delle sue emozioni, imparando a riconoscerle, a gestirle e ad elaborare gli eventi dolorosi della propria vita, risulta l’aiuto più utile e l’intervento più mirato, poiché riporta in primo luogo l’origine del disturbo da un piano fisico a uno psichico, di cui la persona spesso ne è oscura e attraverso la relazione terapeutica, fatta di fiducia e alleanza, si può sperimentare uno spazio per l’elaborazione e la conoscenza di sé funzionale alla guarigione, alla scomparsa dei sintomi ma anche alla sua crescita personale.

A cura della dott.ssa Laura Moscato

Psicologa, psicoterapeuta sistemico-relazionale

 

Comments for this post are closed.
gli ingredienti giusti per una buona psicoterapia

Quali sono gli ingredienti giusti per una buona psicoterapia?

Il mix perfetto per stare meglio! Se gli ingredienti sono di qualità e sono miscelati e dosati nel modo giusto, ogni ricetta …

Raccontami…di Te

Inizio: lunedì 7 gennaio Orario: 17.30 – 19 :00 – 6 incontri in totale Descrizione: percorso di educazione emotiva …

FIGLI “SCONNESSI”

La solitudine dei giovani di oggi e il ruolo degli adulti A cura della dott.ssa Laura Moscato   Tutti noi ci siamo soffermati …